Le Cronache di Teseo

 

Le cronache di Teseo” è una serie di sei racconti brevi che descrivono il mitologico viaggio dell’eroe greco da Trezene ad Atene e il celeberrimo episodio che vede il figlio di Etra confrontarsi con il minotauro, il tutto riproposto in chiave fantasy.

Elementi tipici e atipici del genere fantasy quali incantesimi, evocazioni, pozioni, creature fantastiche della mitologia greca, ebraica e del folklore italiano non alterano i connotati della struttura del mito greco: gli Dei, i loro capricci e i giochi di potere conservano sempre un ruolo predominante e il Fato continua ad essere un’entità cui è inutile sottrarsi.

Contrariamente al canonico eroe greco, il protagonista presentato in questa raccolta ha necessità di maturare come uomo e come guerriero ad ogni fatica superata. Se le prime due prove, infatti, testano esclusivamente la sua forza fisica, le ultime tre sono di ben altra natura: la terza e la quarta sperimentano la sua abilità di stratega; la quinta e la sesta lo costringono ad un’analisi interna che termina con una catarsi tramite cui Teseo deve liberarsi delle sue paure più radicate al fine di poter essere degno del trono di Atene oltre che della spada di Egeo.

L’ultimo racconto spezza volutamente il ritmo, sia perché Teseo affronta il minotauro molto dopo la sua ultima fatica, sia perché in questa circostanza si può notare un protagonista “finito” e definitivamente maturato concordemente con il classico eroe della mitologia ellenica.

PERSONAGGI

Teseo: protagonista dei racconti, è un giovane stregone impaziente di testare la sua abilità nella magia. Nonostante non sia ancora maturo come i grandi eroi greci, serve e teme gli dei, mettendo in pratica tutti gli insegnamenti del maestro Chirone durante il suo viaggio verso Atene. Le prove che lo attendono lo renderanno l’uomo degno al trono di Egeo.

Perifete: licantropo a capo dei briganti di Epidauro. Stringe accordi con Ares al fine di rubare al figlio di Etra la spada di Egeo che ne assicurerebbe il diritto al trono di Atene.

Sini: terribile golem di pietra a guardia dell’istmo di Corinto, ove si nasconde una delle porte degli Inferi. Creato da Efesto, compare dalla terra trucidando chiunque tenti di attraversare i suoi domini.

Fea: Gigàt che sorveglia l’ingresso dell’Ade sul monte di Artemide. Possiede una cintura che sostiene tre pozioni necessarie al protagonista per terminare il suo viaggio.

Scirone ( il brigante ): sadico stregone, ultimo conoscitore della magia persiana di Achemene e unico mortale ad “addomesticare” il Leviatano. Ama vivere nell’ombra: nessuno ne ricorda l’esistenza anche perché “cede” il suo nome al mostro marino. Si dimostra essere uno stregone largamente più abile di Teseo.

Scirone ( il Leviatano ): mostro marino nato dalla pazzia di Crono. Immortale al pari degli dei, divora tutti i viandanti che il suo padrone gli lancia dalla scogliera.

Cercione: re di Eleusi. Sottopone con la forza i viandanti a tre prove: una di abilità, una di intelligenza e una di forza fisica. Durante lo scontro con Teseo rivela la sua natura di homunculus creato da Efesto.

Procuste/Damaste: anziano brigante che offre riparo ai viaggiatori lungo la piana di Eleusi, uccidendoli con l’inganno grazie al suo letto maledetto.

Ares: dio della guerra che tenta in più di un’occasione di favorire la dipartita di Teseo per punire Atena, rea di essersi schierata dalla parte di Apollo.

Efesto: dio del fuoco e dell’ingegneria, dal suo genio nascono Sini e Cercione. Affianca Ares nella sua disputa con Apollo e dona a Perifete la celebre clava di bronzo, passata poi nelle mani di Teseo.

Atena: dea della conoscenza, protegge il cammino di Teseo, intervenendo in prima persona per salvarlo dai terribili attacchi di Scirone il brigante. Insieme ad Apollo, trasporta il protagonista a Megara salvandolo da morte certa.

Apollo: dio del Sole, interviene più di tutti nelle prove di Teseo, aiutandolo già durante il suo scontro con Perifete. Reagisce all’affronto di Ares proteggendo il giovane stregone durante il suo cammino verso Atene.

Asterione: principe cretese mutaforma. Durante gli annuali giochi indetti da Minosse, viene confinato nel famoso Labirinto insieme a sette ragazzi e sette fanciulle dell’Accademia di Magia di Atena. Sara lui ad affrontare il Teseo più maturo dell’intera raccolta.

Minosse: mitologico re di Creta che assoggetta Atene dopo l’omicidio di suo figlio. Si vendica costringendo l’Accademia di Magia di Atene ad un tributo annuale con cui diletta il suo popolo durante i Giochi. Accetta la provocazione di Teseo e gli permette di sfidare Asterione all’interno del Labirinto.


“Le Cronache di Teseo” nasce per il lettore adolescente amante del fantasy che non riesce a digerire ancora una letteratura così impegnativa come quella classica. L’idea di riprendere uno dei più interessanti capitoli della letteratura ellenica e riproporlo attraverso un fantasy moderno trova il suo fine proprio nella creazione di un ponte tra due mondi non sempre vicini. La scelta stessa del formato proposto non è casuale: la raccolta di racconti appare sempre meno impegnativa di un romanzo in quanto tale; inoltre il formato elettronico viene incontro alle abitudini sempre più tecnologiche degli adolescenti. I primi due racconti tendono ad accattivare il lettore che non ama troppo l’introspezione ma predilige l’azione. Affezionandosi al protagonista è spronato infine a conoscerlo e a vivere con lui la catarsi che regala alla raccolta delle sfumature del romanzo di formazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...